mercoledì 1 ottobre 2014

Disegni +2: bando MISE - Unioncamere per le PMI che valorizzano disegni e modelli

Logo bando Disegni +2


Il Ministero dello Sviluppo Economico - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) in collaborazione con Unioncamere intende supportare le micro, piccole e medie imprese italiane nella valorizzazione di disegni e modelli industriali attraverso la concessione di contributi in conto capitale per l'acquisto di servizi specialistici, che saranno assegnati con procedura valutativa a sportello fino ad esaurimento delle risorse.

Presentazione delle domande a partire dal 6 Novembre 2014

Sommario

1. Presentazione e valutazione delle domande
2. Obiettivi
3. Riferimenti normativi
4. Risorse disponibili
5. Beneficiari
6. Oggetto dell'agevolazione
7. Spese ammissibili
8. Tipologia e misura dell'agevolazione
9. Erogazione dell'agevolazione
10. Collegamenti

Proprietà industriale - Fonte UIBM


1. Presentazione e valutazione delle domande

Procedura valutativa a sportello in due fasi:
  • A partire dal 6 Novembre 2014: compilazione del form on line sul sito www.disegnipiu2.it e contestuale assegnazione del numero di protocollo,
  • Presentazione della domanda completa (project plan, preventivi di spesa, certificato di registrazione del disegno/modello), entro 10 giorni dalla data del protocollo, esclusivamente tramite PEC all'indirizzo disegnipiu2@legalmail.it.
Valutazione della domanda secondo l'ordine cronologico di arrivo, fino ad esaurimento delle risorse:
  • comunicazione di concessione entro 90 giorni dalla data del protocollo.
2. Obiettivi
  • Diffusione della cultura brevettuale attraverso l'utilizzo dei diritti di Proprietà Industriale;
  • Accrescimento della competitività delle PMI italiane sui mercati internazionali.
3. Riferimenti normativi
  • Bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 183 dell'8 Agosto 2014,
  • Convenzione del 16/12/2013 fra Ministero dello Sviluppo Economico ed Unioncamere,
  • Reg. (CE) n. 1407 sul regime de minimis.
4. Risorse disponibili

Euro 5.000.000 di cui:
5. Beneficiari

Micro, piccole e medie imprese di tutti i settori ad eccezione della pesca e della produzione di prodotti agricoli.

6. Oggetto dell'agevolazione

Valorizzazione di un disegno o modello, singolo o multiplo, alle seguenti condizioni:
  • Il disegno/modello è definito (art. 31 del D.lgs. n. 30/2005 - Codice della proprietà industriale) come l'aspetto dell'intero prodotto (oggetto industriale o artigianale, compresi componenti, imballaggi, presentazioni, simboli grafici e caratteri tipografici, esclusi i programmi per elaboratore), anche complesso (formato da più componenti sostituibili), o di una sua parte: linee, contorni, colori, forma, struttura superficiale, materiali del prodotto o del suo ornamento, a condizione che siano nuovi ed abbiano carattere individuale;
  • deve essere registrato alla data di presentazione della domanda;
  • deve essere nella titolarità dell'impresa richiedente o di un soggetto terzo (anche estero) con cui l'impresa abbia stipulato un accordo di licenza;
  • Il progetto di valorizzazione deve essere concluso entro 12 mesi dalla notifica di concessione.
7. Spese ammissibili

Acquisto di servizi specialistici esterni sostenuto non prima dell'8 Agosto 2014 e relativo ad una delle seguenti fasi o ad entrambe.

Fase 1 - Produzione di nuovi prodotti:
  • ricerca sull'utilizzo di nuovi materiali,
  • realizzazione di prototipi e stampi,
  • consulenze tecnica e/o legale relative alla catena produttiva,
  • consulenza specializzata nell'approccio al mercato (strategia, marketing, vendita, comunicazione);
Fase 2 - Commercializzazione del titolo di proprietà industriale:
  • consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello e per l'analisi di mercato ai fini della cessione o della licenza del titolo,
  • consulenza legale per la stesura di accordi di cessione della titolarità o della licenza del titolo e/o per la stesura di eventuali accordi di segretezza.
8. Tipologia e misura dell'agevolazione

Contributo in conto capitale nella misura massima dell'80% delle spese ammissibili e comunque:
  • fino ad un importo massimo di Euro 65.000 per la Fase 1 - Produzione,
  • fino ad un importo massimo di Euro 15.000 per la Fase 2 - Commercializzazione,
  • importo massimo per singola impresa (la quale può presentare più richieste di agevolazione): Euro 120.000 (comunque nel limite del de minimis).
9. Erogazione dell'agevolazione
  • Possibile richiesta di anticipo nella misura massima del 50% del contributo concesso, previa presentazione ad Unioncamere di fideiussione bancaria d'importo equivalente: l'anticipo sarà erogato entro i 60 giorni successivi;
  • Erogazione del saldo, o dell'intero contributo nel caso non sia stata richiesta l'anticipazione, entro 60 giorni dalla ricezione da parte di Unioncamere della documentazione finale delle spese sostenute (fatture quietanzate ed attestazioni dei pagamenti).
10. Collegamenti

Sito ufficiale del bando Disegni+2:

Rating di legalità sul sito dell'Autorità Garante della Concorrenza:


RIPRODUZIONE RISERVATA

Bando Disegni+2 in versione integrale scaricabile su Slideshare:


Tweets