lunedì 3 novembre 2014

Partono i mini-bond (singoli e portafogli) emessi dalle PMI e (dal 7/11/14) assistibili da garanzia dello Stato

Estesa garanzia dello Stato ai mini-bond

Aggiornamento 3 Novembre 2014

Il 23 ottobre 2014 sono state pubblicate sul sito internet del Fondo di garanzia:

  • le Disposizioni operative del Fondo aggiornate, contenenti le integrazioni relative alla concessione della Garanzia Diretta su singole operazioni di sottoscrizione di mini bond
  • le Modalità operative dedicate alla concessione di garanzie su portafogli di mini bond.

Operatività della nuova garanzia estesa a singoli mini-bond e a portafogli di mini-bond: 
a partire dal 15esimo giorno successivo alla data di pubblicazione delle Disposizioni operative del presente Decreto sul sito www.fondidigaranzia.it, quindi

a partire dal 7 Novembre 2014 


Il mercato dei capitali italiano comincia ad allinearsi a quelli anglosassoni, consentendo alle piccole e medie imprese di esplorare canali di finanziamento alternativi al credito bancario. Nei mesi di Luglio e Agosto 2014 (fonte Comunicato MEF n. 203 del 28/08/2014) sono ben 26 le PMI che per la prima volta hanno emesso mini-bond per un valore pari, complessivamente, a circa 1 miliardo di Euro. Le emissioni vanno da un minimo di 5 milioni di euro ad un massimo di 200 milioni di euro. Notevole impulso ai mini-bond è stato dato dalle norme introdotte nel D.L. Competitività (tra cui un regime fiscale vantaggioso) e dalle misure attuative di precedenti provvedimenti (Destinazione Italia), di recente adottate. 
In particolare, il Decreto MISE del 5 Giugno 2014, pubblicato in GU n. 172 del 26/07/2014, consente finalmente l'attuazione dell'art. 12 comma 6/bis del Decreto Legge n. 145/2013 (cd. Destinazione Italia), prevedendo l'estensione del Fondo di Garanzia nazionale per le PMI alle operazioni di sottoscrizione di mini-bond da parte di investitori istituzionali.

Sommario

1. Risorse finanziarie disponibili
2. Oggetto dell'agevolazione
3. Soggetti richiedenti
4. Beneficiari finali
5. Requisiti generali delle operazioni
6. Tipologie di operazioni ammissibili
6.1. GARANZIA SU SINGOLA SOTTOSCRIZIONE DI MINI-BOND
6.2. GARANZIA SU PORTAFOGLI DI MINI-BOND
7. Modalità di presentazione domande
8. Collegamenti


Estensione garanzia dello stato ai mini-bond
1. Risorse finanziarie disponibili

Euro 50.000.000 di cui:
--- 40% per garanzie su operazioni singole,
--- 60% per garanzie su portafogli di mini-bond.
Il Consiglio di gestione del Fondo di Garanzia nazionale per le PMI può proporre incrementi fino ad Euro 100.000.000.

2. Oggetto dell'agevolazione

Concessione della garanzia del Fondo nazionale per le PMI su singole operazioni di sottoscrizione di mini-bond e su portafogli di mini-bond.

3. Soggetti richiedenti

Banche, intermediari finanziari e gestori di fondi comuni di investimento.

4. Beneficiari finali

Piccole e medie imprese che emettono mini-bond.

5. Requisiti generali delle operazioni

- Finalizzate a finanziare l'attività d'impresa,
- Non riguardanti la sostituzione di linee di credito già erogate,
- Sottoscritte ed erogate al beneficiario finale SUCCESSIVAMENTE alla data di delibera del Consiglio di gestione inerente l'accoglimento della garanzia,
- Durata compresa fra 36 e 120 mesi,
- Non assistite da altre garanzie per la quota coperta dal Fondo.

6. Tipologie di operazioni ammissibili

6.1. GARANZIA SU SINGOLA SOTTOSCRIZIONE DI MINI-BOND

Misura della garanzia (in percentuale sull'ammontare della esposizione per capitale, interessi contrattuali e di mora del soggetto richiedente - banca o intermediario o gestore - nei confronti del soggetto beneficiario finale - piccola o media impresa):

- fino al 50%, nel caso di previsto rimborso a rate sulla base di un piano di ammortamento ("AMORTISING MINI-BOND"),
- fino al 30%, nel caso di rimborso unico a scadenza ("BULLET MINI-BOND");

Importo massimo garantibile:
Euro 1.500.000

Valutazione dei beneficiari finali:
sulla base dei modelli di scoring previsti dalle Disposizioni operative del Fondo;

6.2. GARANZIA SU PORTAFOGLI DI MINI-BOND

Requisiti:
- presenza di singole operazioni di importo non superiore al 3% del valore nominale complessivo dei titoli che compongono il portafoglio,
-  valore nominale complessivo compreso fra Euro 50.000.000 e 300.000.000;

Copertura della garanzia:
- non superiore all'80% della "tranche junior" (quota che sopporta le prime perdite) del portafoglio,
- non superiore all'8% del valore nominale complessivo del portafoglio,
- per la singola operazione compresa nel portafoglio, il Fondo copre fino all'80% della perdita registrata sulla singola operazione;

Valutazione dei beneficiari finali da parte del soggetto richiedente:
il rating non deve essere inferiore alla classe "B -" Standard's & Poor's.

7. Modalità di presentazione delle domande

8. Collegamenti

RIPRODUZIONE RISERVATA


Decreto MISE 5/06/14 scaricabile in versione integrale da Slideshare:

Tweets