mercoledì 2 settembre 2015

Processi di partecipazione: bando RER per soggetti pubblici e privati

Bando RER Processi di partecipazione - Foto di Alberto Cardino: Piazza Duomo a Parma in occasione di concerti Luglio 2015
Foto di Alberto Cardino: Piazza Duomo a Parma in occasione di concerti Luglio 2015

La Regione Emilia-Romagna promuove, attraverso la Legge Regionale n. 3/2010, la realizzazione di percorsi di partecipazione (discussioni organizzate di progetti, atti normativi, procedure amministrative) da parte di Enti Locali (Comuni, Province, Città metropolitane, Unioni di Comuni) e/o di altri soggetti pubblici e/o privati (accompagnati, questi ultimi, da un decisore amministrativo). Il contributo a fondo perduto, fino all'importo massimo di Euro 20.000 a progetto, è concesso a copertura di spese correnti (progettazione, formazione, servizi, comunicazione, ecc.) funzionali al completamento dei processi di partecipazione.
I temi prioritari di discussione sono le politiche di welfare, la tutela ambientale e l'elaborazione di regolamenti comunali per la disciplina dei processi di partecipazione. Punteggi più alti sono attribuiti alle Unioni di Comuni, ai Comuni derivanti da fusione e a quelli fino a 5.000 abitanti, ai progetti originati da petizioni o dall'evidente interesse della comunità, e a quelli che comportano un accordo territoriale fra diversi soggetti.

Scadenza per la presentazione domande: 30 Settembre 2015

Sommario

1. Riferimenti normativi
2. Obiettivi
3. Durata dei processi di partecipazione
4. Temi prioritari dei processi di partecipazione
5. Risorse disponibili
6. Beneficiari
7. Spese ammissibili
8. Tipologia e misura della agevolazione
9. Presentazione delle domande
10. Criteri di valutazione delle domande
11. Tempi di approvazione ed avvio dei progetti
12. Erogazione dei contributi
13. Riferimenti sul web


Bando RER Processi di partecipazione - Foto di Alberto Cardino scattata a Lavarone (TN)
Foto di Alberto Cardino scattata a Lavarone (TN)

1. Riferimenti normativi

2. Obiettivi

Sostegno a percorsi di discussione organizzata in relazione a progetti, atti normativi e/o procedure amministrative di competenza di Enti pubblici i quali non abbiano, a tal proposito, ancora assunto alcuna decisione.


3. Durata dei processi di partecipazione
  • Massimo 6 mesi (12 nel caso di particolare complessità valutata dal "Tecnico di Garanzia della partecipazione"), prorogabili fino ad un massimo di 60 giorni;
  • I costi riferiti al 2015 devono essere pari ad almeno il 20% del contributo totale richiesto.

4. Temi prioritari dei processi di partecipazione
  • a) Politiche di welfare: vulnerabilità familiari, servizi socio-educativi, non autosufficienti, conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, pari opportunità e lotta alle discriminazioni;
  • b) Politiche di salvaguardia dell'ambiente e del territorio urbano: recupero urbanistico, sviluppo sostenibile, progettazione e co-gestione di spazi urbani;
  • c) Elaborazione di regolamenti comunali o revisione statutaria per la disciplina delle nuove forme di partecipazione dei cittadini.

5. Risorse disponibili

Euro 200.000 per il periodo 2015-2017.


6. Beneficiari
  • Enti locali: Province, Comuni, Unioni di Comuni, Città metropolitane;
  • Altri soggetti pubblici;
  • Soggetti privati che abbiano ottenuto l'adesione formale di almeno un soggetto di cui ai punti precedenti, titolare della decisione amministrativa.

7. Spese ammissibili

Esclusivamente di natura corrente:
  • Progettazione;
  • Formazione del personale interno;
  • Servizi per lo svolgimento dei processi partecipativi;
  • Comunicazione del progetto;
  • Altri costi di natura corrente;
  • Esclusioni: spese in conto capitale, spese di personale interno all'amministrazione pubblica, spese a favore di soggetti firmatari di accordo formale con il beneficiario o di partner di progetto.

8. Tipologia e misura della agevolazione

Contributo a fondo perduto fino ad un massimo di Euro 20.000 per progetto.


9. Presentazione delle domande

Via PEC alla Regione Emilia-Romagna entro le ore 14:00 del 30 Settembre 2015.


10. Criteri di valutazione delle domande
  • "Qualità progettuale": è stabilita dal "Tecnico di Garanzia della partecipazione" che rilascia apposita "certificazione di qualità" a fronte della verifica di elementi quali l'attenzione alle differenze fra persone, l'inclusione di associazioni o comitati, il ruolo, la composizione e la gestione del "Tavolo di negoziazione", l'utilizzo di strumenti di democrazia diretta per la mediazione e di adeguati strumenti informativi;
  • Punteggio aggiuntivo nel caso di: proponente una Unione di Comuni per ambiti di sua competenza; proponente un Comune derivante da fusione; proponente un Comune con popolazione fino a 5.000 abitanti; presenza di un accordo formale tra soggetto proponente, ente titolare della decisione ed attori organizzati del territorio (in misura, questi ultimi, non superiore al 40% del numero totale di attori organizzati); impegno dei contraenti l'accordo formale alla realizzazione delle proposte che scaturiranno dal processo partecipativo; processo stimolato da istanze/petizioni presentate, in data antecedente al 13 Luglio 2015, all'ente titolare della decisione da cittadini singoli o associati; processo stimolato dall'interesse della comunità, testimoniato da articoli su stampa cartacea e/o web e/o da altra documentazione; co-finanziamento del processo da parte di altri soggetti pubblici e/o privati o dallo stesso soggetto richiedente;
  • Punteggio più alto nel caso di processo che affronta la tipologia c) di temi prioritari (elaborazione di regolamenti comunali per la disciplina dei processi partecipativi).

11. Tempi di approvazione ed avvio dei progetti
  • Atto dirigenziale di approvazione della graduatoria da adottarsi entro Ottobre 2015;
  • Avvio del processo di partecipazione entro il 1 Dicembre 2015.

12. Erogazione dei contributi

In due trance:
  • la prima pari al 20% delle spese ammesse;
  • la seconda, a saldo, pari al restante 80% dietro presentazione della rendicontazione di spesa (quietanzata).

13. Riferimenti sul web

Il bando 2015 sul sito della Regione dedicato alla partecipazione:
http://partecipazione.regione.emilia-romagna.it/tecnico-di-garanzia/bandi/bando-2015


RIPRODUZIONE RISERVATA


Video della Regione Emilia-Romagna su "Io partecipo+":


Tweets